Progetto scuola ad Anayama Belle Ville Abidjan Costa D’Avorio

DESCRIZIONE PROGETTO

In questi ultimi anni la situazione educativa della Costa d’Avorio ha avuto sviluppi positivi, questo ha permesso ai genitori di comprendere l’importanza dell’educazione per i loro figli. La percentuale dei bambini scolarizzati è aumentata al 70%. Il grosso problema rimane da parte dello stato impreparato a costruire abbastanza scuole e quindi i bambini si trovano nelle classi super affollate. In una classe di prima elementare si possono trovare dagli 80 ai 90 bambini il che rende impossibile insegnare a leggere e a scrivere a tutti in maniera adeguata. Inoltre il governo ha reso la scuola gratuita ma la corruzione è entrata anche negli istituti scolastici ed i direttori selezionano gli ingressi a seconda della somma di denaro che ricevono dai genitori.

Da più di 10 anni nel quartiere di Abidjan – Anayama Belle Ville operano a stretto contatto con la società le Suore delle Poverelle di Bergamo. Si dedicano ad aiutare i più bisognosi, le famiglie numerose, i malati, e i disoccupati. I bisogni sono tanti anche perché Anayama Belle Ville è un quartiere in fase di forte espansione ma rimasto completamente abbandonato dallo stato. Non ci sono istituti scolastici statali. Di conseguenza tutti possono aprire una scuola, ma lo scopo è spesso solo di un guadagno personale. L’istruzione è molto limitata e i bambini  alla fine del ciclo primario non sanno ancora scrivere il loro nome. Inoltre il livello d’insegnamento delle scuole private è molto basso.

La percentuale dei bambini che non va a scuola è molto alta ed ammonta al 50%. Molti dei bambini finendo sulla strada e vivendo una vita povera si inseriscono nella micro-criminalità. In Costa d’Avorio infatti è diventato molto preoccupante il fenomeno dei “microbi” cioè bande di bambini armati che attaccano anche in pieno giorno.

La comunità delle Suore delle Poverelle, sostenuta da Daquialà intende avviare la costruzione di una scuola primaria per dare una possibilità di usufruire del diritto allo studio ai bambini nel quartiere di Anayama Belle Ville.

GUARDA LA BROCHURE

I bambini che verranno ammessi nella nostra scuola saranno 30 o 40 per classe a secondo delle richiesta per mantenere un livello di apprendimento ottimale. Le classi saranno 6 con un totale di circa 300 bambini.

Tutte le famiglie potranno usufruire della nostra scuola, non ci saranno distinzioni e si avrà particolare attenzione alle famiglie più problematiche. La scuola sarà a pagamento per garantire lo stipendio agli insegnanti e mantenere la struttura. Il personale sarà laico e locale ad eccezione della direttrice che sarà una suora. Si pensa di assumere 6 insegnanti, un bidello e un guardiano. Il costo per una famiglia media sarà di 120 euro l’anno.

Quello che distinguerà la nostra scuola sarà non solo l’istruzione  di alto livello ma soprattutto un’educazione alla convivenza pacifica, per permettere ai nostri bambini di crescere in un clima di pace e accoglienza. Per questo tutte le famiglie, cattoliche, musulmane, evangeliche ecc. potranno accedere alla nostra scuola.

Costi

Il preventivo per la costruzione della scuola è di 100 mila euro materiale, costruzioni, arredo, tasse per le autorizzazioni comprese.

Il progetto prevede la costruzione di sei classi, due uffici e di una biblioteca, di 3 bagni, il rialzamento del muro di recinzione e la preparazione della fossa settica. In ogni classe ci saranno 25 banchi da due posti, un armadio e una scrivania. Gli uffici saranno dotati di armadi, scrivania, sedie, un computer, la stampante e una fotocopiatrice. La biblioteca avrà gli scaffali per i libri, un computer e una stampante.

 

Costo Materiale / opera
1000 euro sabbia
8 000 euro mattoni
10 000 euro cemento
2 000 euro mattonelle
3 000 euro Porte in ferro
2 000 euro Finestre
15 000 euro Lavandini nei bagni dei bambini e insegnanti, compreso di tubazioni
4 000 euro Fosse settiche
8 000 euro Muro di recinzione scuola , due cancelli in ferro
12 000 euro Arredamento delle classi comprensivo di banchi, armadi, scrivanie, sedie
10 000 euro Attrezzatura informatica: stampante, computer, fotocopiatrice e arredamento uffici
2 000 euro Spesa idraulica bagni
2 000 euro Pittura della struttura intera
10 000 euro Impianti elettrici compreso la sicurezza e gli allarmi
11 000 euro Tasse per l’autorizzazione di costruzione e per l’insegnamento

100 000 euro

Il progetto è stato approvato dalla Congregazione delle Suore delle Poverelle. Hanno deciso di contribuire anche:

  • Gruppo Amici dell’Africa con 20 000 euro
  • Sostenitori privati con 5000 euro
  • Parrocchia di Lumezzane in provincia di Brescia con 1500 euro

Inoltre le Suore stanno cercando di avere il sostegno in loco e per questo cercheranno di presentare il progetto  alla moglie del presidente della Repubblica Ivoriana

GUARDA LE FOTO DEI LAVORI